Dare valore alla micro-territorialità

Fondata nel lontano 1937, la Vecchia Cantina di Montepulciano è la più antica cantina di Montepulciano, storica città senese. Questa cooperativa, che raccoglie e vinifica uve provenienti da due regioni – Toscana e Umbria – e 3 province – Siena, Arezzo e Perugia – è formata oggi da circa 400 soci ed è il maggior produttore di Vino Nobile di Montepulciano DOCG. La Cooperativa propone, oltre al celebre DOCG, un’ampia gamma di vini rossi e bianchi attraverso i suoi principali brand: Vecchia Cantina, Redi, Poggio Stella. Consapevole della sua tradizione e del suo importante ruolo socio-economico per il territorio in cui opera, Vecchia Cantina di Montepulciano guarda con fiducia al futuro consolidando il mercato nazionale e puntando ulteriormente sull’export. Il continuo rinnovamento tecnologico e impiantistico, le certificazioni di processo, volti a proporre vini di sempre più elevata qualità, sostengono questo obiettivo. Raccontano la Cooperativa il suo presidente Adriano Ciofini e l’enologo Umberto Trombelli.

Presidente Ciofini correva il 1937…

…quando fu fondata, dall’iniziativa di 14 produttori, la Cooperativa Vecchia Cantina di Montepulciano. Il primo imbottigliamento in cantina è del 1940. Poi scoppia la Grande Guerra. Sono tempi difficili… Gli Anni ’50 sono quelli della riorganizzazione della proprietà terriera. La nostra Cooperativa diventa sempre più un punto di riferimento per il territorio, favorendone, a cavallo tra gli Anni ‘60 e ’70, lo sviluppo economico. Ancora oggi lavoriamo insieme con la consapevolezza di essere un’importante istituzione per Montepulciano e per i comuni nei quali operiamo. Proprio le persone – che, pur nei grandi numeri, rispecchiano la valenza umana di questo storico marchio – sono quell’elemento distintivo che maggiormente ha contribuito a rendere così importante l’azienda.

Qualche numero per presentare la vostra Cantina?

Sono circa 400 i soci e 50 i nostri dipendenti. Le uve provengono dai 1000 ettari complessivi di superfici vitate per una produzione che mediamente supera gli 80.000 quintali annui. Il Vitigno principe è il Sangiovese, a Montepulciano denominato “Prugnolo Gentile”. Sono coltivate varietà tipiche del territorio e altri vitigni a bacca rossa, quali Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc. La produzione dei vini bianchi e di Vin Santo è ottenuta, invece, da Uve Chardonnay, Grechetto, Trebbiano e Malvasia Bianca Lunga. Sono 60.000 gli ettolitri di vino che produciamo annualmente e la produzione in bottiglia supera i 5 milioni di unità di cui 1,2 milioni sono di Vino Nobile di Montepulciano DOCG.

Rinnovamento continuo per crescere sui mercati
Situata alle porte di Montepulciano, in provincia di Siena, la sede della Vecchia Cantina di Montepulciano è stata costruita nel 1970. Lo stabilimento di vinificazione ha subito successivi rinnovamenti attraverso l’acquisizione di nuove tecnologie. Le ultime sono i moderni fermentini e una linea d’imbottigliamento con capacità oraria di 5.000 bottiglie ora. Sono stati, inoltre, realizzati capienti magazzini di stoccaggio degli imballaggi e del prodotto finito. «Il mercato richiede una continua evoluzione in cantina sia per la necessità di offrire prodotti di qualità sempre più elevata sia per garantire maggiore sicurezza al consumatore – spiega Adriano Ciofini, presidente della Vecchia Cantina di Montepulciano -. A questo proposito, la nostra Cantina ha negli anni completato un rigoroso percorso di certificazione che le permette anche di interfacciarsi più agevolmente con la Distribuzione Organizzata sui mercati internazionali. Siamo certificati ISO:9001, IFS, BRC, abbiamo conseguito la Certificazione biologica Bios. Tutto questo richiede però un adeguamento impiantistico. La nostra linea d’imbottigliamento, per esempio, è stata dotata di diversi controlli in linea che verificano l’integrità della bottiglia, il corretto riempimento, la tappatura, l’etichettatura, l’inscatolamento; il tutto per una maggiore garanzia di qualità».

La nuova linea d'imbottigliamento da 5000 bottiglie/ora è dotata di diversi controlli in linea
La nuova linea d’imbottigliamento da 5000 bottiglie/ora è dotata di diversi controlli in linea

La linea d’imbottigliamento

Uno dei più recenti investimenti della Vecchia Cantina di Montepulciano è la nuova e performante linea d’imbottigliamento. «L’obiettivo è di crescere ancor più nell’imbottigliato in futuro. Per questo e per le moderne esigenze di flessibilità abbiamo investito in una nuova linea d’imbottigliamento – precisa il presidente Ciofini -. Si tratta di un moderno monoblocco della MBF costituito da una sciacquatrice, da una riempitrice e da un tappatore. «È un impianto molto flessibile, che ci consente di imbottigliare formati diversi dalla classica bottiglia bordolese da 0,75 l, al formato da 1,5 l, al magnum da 3,75 l. L’impianto consente, inoltre, l’inertizzazione con gas puro per garantire bassissimi assorbimenti di ossigeno, sia in pre-riempimento sia in fase di tappatura. Nuova è anche l’etichettatrice della Cavagnino & Gatti, con la quale etichettiamo utilizzando per il 90% etichette adesive. Il confezionamento finale è della APE Impianti».

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here