Roccafiore, nuove performance sui mercati esteri

Portare l’Umbria e la sua filosofia green nei calici  di tutto il mondo. È questo l’impegno di Roccafiore ed è ciò che raccontano le cifre di vendita oltre confine dei vini prodotti nella cantina di Todi. Un trend di crescita costante, che ha permesso di consolidare la presenza della produzione Roccafiore nei mercati di riferimento. Primi fra tutti gli USA, principalmente New York, Midwest e California, cui si affiancano Giappone e Svizzera. Elemento certamente interessante è che, in tutti e tre i Paesi, è sempre il Grechetto a fare da traino, segnando il 65% di vendite sul totale.

Luca Baccarelli
Luca Baccarelli

Come prevedibile, anche nel 2016 sono gli Stati Uniti ad offrire la miglior performance, registrando un +12% in valore, dato che segnala come in questi mercati cresca costantemente l’interesse per i vini biologici, sostenibili e autoctoni.

Crescono anche la Cina e il resto dell’Asia, ma in questi mercati in prevalenza c’è una domanda di vini rossi. In decisa controtendenza invece il Giappone, un mercato bianchista che per Roccafiore rappresenta il 10% dell’export.

Per quanto riguarda l’Europa, ai mercati di Svizzera, Danimarca, Belgio, Finlandia, Norvegia ed Inghilterra si sono affiancati quelli di Francia e Irlanda, mentre oltreoceano si sono aperte le vendite sul territorio Messicano.

Infine, cresce la vendita online, grazie  anche al forte traino del successo del Grechetto.

«<Il 50% della nostra produzione è destinato alla vendita oltre confine –  spiega Luca Baccarelli, classe 1984, che guida l’azienda Roccafiore – esportiamo negli Stati Uniti, in Asia, Cina, Giappone e Taiwan; vendiamo le nostre bottiglie in Australia, Israele ma anche nel mercato europeo. Il consumatore straniero è molto attento alla qualità, alla scelta di vini biologici e sostenibili, prodotti in aziende che rispettino l’ambiente. Questa è una scommessa su cui abbiamo investito fin dal primo giorno e di cui stiamo vedendo i risultati, oggi grazie anche al “Green Heart Quality”, marchio di sostenibilità ambientale della Regione Umbria che certifica la filosofia green. Merito, infine, di un prodotto come il Fiorfiore Todi Grechetto Doc Superiore, uno dei vini che più si sta facendo conoscere sia Italia che all’estero».

Un vino che quest’anno sta finalmente raccogliendo i meritati successi: dopo il TreBicchieri assegnato al Grechetto Roccafiore, dalla Guida Gambero Rosso 2017 è arrivato infatti anche il Premio Speciale  Viticoltura Sostenibile, che riconosce l’impegno dell’azienda di Todi nei confronti dell’ambiente. Non è un caso, dunque, se il Fiorfiore Todi Grechetto Doc Superiore è tra i vini preferiti dagli americani, in particolar modo a New York. Il suo sapore caldo e morbido, infatti, è supportato da buona freschezza e mineralità, caratteristiche che ne fanno un vino di grande eleganza e complessità, tanto da essere riuscito a conquistare anche gli esigenti palati dei consumatori d’oltreoceano.

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here