Ecco le proprietà antiossidanti dei vini spumanti

Scopo dello studio valutare il potenziale antiossidante in vitro di vini spumanti prodotti con β-glucanasi, lieviti autolisati, pareti di cellule di lievito e mannoproteine purificate.
La capacità antiossidante totale, misurata con i metodi del 2,2-difenil-1-picrazil radical-scavenging (DPPH) e del potere di ridurre il ferro (FRAP), e l’attività di idrossil radical-scavenging (HRSA) sono risultate superiori nei vini prodotti con i coadiuvanti rispetto al controllo. I valori maggiori sono stati raggiunti con le manoproteine purificate e in misura minore con le β-glucanasi che pertanto sono risultati coadiuvanti utili nell’aumentare le proprietà antiossidanti dei vini spumanti aumentandone il valore aggiunto.

Bibliografia

J.M. Rodriguez-Nogales et al., Univ. of Valladolid (p.C1005-C1010), Journal of food science, vol. 77, n. 9 (2012)

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Imbottigliamento © 2017 Tutti i diritti riservati