Studi scientifici

Ecco uno studio comparativo con oli raffinati

È stato studiato l’uso di olio extravergine d’oliva in prodotti da forno ricchi di grasso al posto di oli raffi nati, valutando l’evoluzione della degradazione ossidativa e idrolitica durante la conservazione.
L’analisi bidirezionale della varianza, seguita dal test HSD di Tukey per confronti multipli, covarianza e analisi dei componenti principali sono stati effettuati per comparare l’effetto del tipo di olio. I dati ottenuti hanno confermato che l’evoluzione dei livelli di ossidazione nei campioni analizzati durante l’immagazzinamento è legata al tipo di olio utilizzato nel processo di produzione. L’uso di olio extravergine di oliva ha determinato valori significativamente più bassi di idroperossidi, costanti di assorbimento nell’ultravioletto, oligopolimeri triacilgliceroli e trigliceridi ossidati.

Bibliografia

F. Caponio et al., Univ. degli Studi di Bari (p. 82-88); International journal of food science & technology, vol. 48, n. 1 (2013)

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Imbottigliamento © 2017 Tutti i diritti riservati