Teo Musso, un’autorità per l’Italian craft beer

A colloquio con il fondatore del birrificio artigianale Baladin che ha appena inaugurato un nuovo impianto d’imbottigliamento per i suoi 20.000 ettolitri di produzione annua. Le differenze con la birra industriale, le prospettive del settore in crescita, la nuova legge sulla birra artigianale… e tanto altro nelle sue risposte alle nostre domande.

grt_3587_okMatterino “Teo” Musso nasce in Piemonte il 5 marzo 1964. Appassionato di birra e musica, nel 1986 apre un pub nel piccolo paese di Piozzo dove è nato. Presto serve oltre 200 etichette di birra artigianale in bottiglia divenendo un punto di riferimento per i primi appassionati locali di un nuovo modo di bere. La sua passione lo porterà a viaggiare in Europa alla scoperta di stili e produttori ma il suo amore si concentrerà in territorio belga. Alla fine degli anni ‘80 decide di apprendere l’arte brassicola e i viaggi in Belgio aumentano fino a sfociare nell’apertura del suo brewpub “Le Baladin” nel 1996.

Uomo dalla personalità poliedrica e dalle grandi doti comunicative, è considerato il rappresentante più significativo di un nuovo modo di intendere la birra, rigorosamente artigianale e preferibilmente da abbinare il cibo. Baladin è sì l’etichetta con cui porta in giro per il mondo la sua birra, ma è anche il nome di un progetto più ampio, composto da attività ed eventi che si occupano del gusto e della cura con cui sceglie tutto ciò che lo circonda. Il suo legame con il territorio, e con il suo paese, è molto forte e cerca di trasferirlo a tutte le sue produzioni, utilizzando materie prime coltivate a Piozzo, convinto del fatto che “birra è terra”.

‘Bevi birra e sai cosa bevi’: dal fortunato slogan degli anni ’70 che diede impulso al consumo di birra in Italia ne è passato di tempo. Secondo lei si tratta di uno slogan ancora attuale? Come declinarlo alla luce della proliferazione dei birrifici artigianali?

La birra, bevuta con moderazione, è una bevanda sana e con proprietà salutistiche. Trovo lo slogan molto attuale se interpretato con questa chiave di lettura. Con l’attenzione sempre di più rivolta a un consumo consapevole e a una riduzione del consumo di alcool, la birra diventa un’alternativa valida, ancor più il prodotto artigianale in quanto l’idea di base è un consumo più contenuto ma di qualità.

Qual è la sua concezione di birra artigianale e in che cosa si differenzia sostanzialmente dal prodotto industriale?

La birra artigianale di qualità deve essere l’espressione del mastro birraio che la produce. La conseguenza è la necessità di mantenere, aziendalmente, l’indipendenza dai grandi gruppi. è chiaro che occorra prestare attenzione alle richieste del consumatore per creare un mercato, ma non è necessariamente sempre vero e un imprenditore artigiano può permettersi, a suo rischio, di non seguire necessariamente delle logiche di mercato nel creare i propri prodotti. L’industria difficilmente potrebbe farlo. Inoltre un artigiano si differenzia perché produce Birra Viva, non pastorizzata. Molto più difficile da distribuire e da controllare ma che permette al prodotto di esprimersi nella sua evoluzione gustativa.

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Imbottigliamento © 2017 Tutti i diritti riservati