La sostenibilità 2014-2015 di Birra Peroni

RDS_CoverE’ partendo dalla filosofia green dell’azienda che, anche quest’anno, sono stati resi noti i risultati della sostenibilità di Birra Peroni in netto miglioramento grazie a numerose iniziative introdotte per ridurre gli sprechi e aumentare l’efficienza dei processi produttivi. In particolare, per quanto attiene alla tutela delle risorse idriche, il consumo totale di acqua si è ridotto del 5% rispetto al 2014 e Birra Peroni è oggi in grado di produrre un ettolitro di birra utilizzando solamente 3,12 ettolitri di acqua (il 3% in meno rispetto allo scorso anno). Considerevole anche l’impegno dell’azienda per la riduzione delle emissioni inquinanti in atmosfera: Birra Peroni è attualmente in grado di produrre un ettolitro di birra, emettendo 5,52 kg di CO2. Confermata poi la percentuale di rifiuti riciclati dall’azienda che si attesta al 99%.

«Siamo arrivati a questa percentuale così elevata perché l’80% della carta e del cartone delle confezioni, il 60% dell’alluminio delle lattine, il 75% dell’acciaio dei tappi e il 71% del vetro delle bottiglie è costituito da materiali riciclati. Basti pensare che, cambiando tecnica di etichettatura, sfruttando un sistema più moderno, siamo riusciti a trasformare l’etichetta delle nostre birre, incrementare la nostra efficienza e ridurre i consumi di materiali per il packaging, risparmiando oltre 6.200 tonnellate di vetro e circa 2 milioni di euro», ha aggiunto Cristina Hanabergh, Sustainable Development Manager Birra Peroni.

Dai dati presentati, è emerso, inoltre, il forte legame di Birra Peroni con la propria filiera, al fine di contribuire attivamente alla crescita e allo sviluppo del sistema economico. Sono 90 infatti, gli agricoltori che hanno aderito negli ultimi anni ai corsi di formazione qualificata e all’iniziativa “Birra Peroni per l’Agricoltura” per lo sviluppo di competenze imprenditoriali e la promozione di buone pratiche di sostenibilità in agricoltura. Nel 2015 Birra Peroni ha prodotto 4,85 milioni di ettolitri di birra e ha collaborato con 1.500 aziende agricole, che hanno coltivato 17.300 ettari di terra in 9 regioni italiane e hanno fornito 50 mila tonnellate di orzo e 9 tonnellate di Mais Nostrano per la produzione di Nastro Azzurro.

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Imbottigliamento © 2017 Tutti i diritti riservati