Sostenibilità

Residui della produzione olivicola, da scarto a opportunità

 

Il progetto internazionale Medolico ha lo scopo di individuare forme alternative e innovative di utilizzo dei residui di lavorazione dell’olio di oliva e, in particolare, delle acque reflue dei frantoi per ridurre il rischio ambientale.

I residui generati dalla lavorazione dell’olio di oliva devono essere gestiti in modo efficiente per non causare danno all’ambiente: le acque reflue dei frantoi hanno un basso indice di biodegradabilità e considerevoli proprietà inquinanti. Per evitare l’inquinamento e migliorare la sostenibilità dei frantoi occorre individuare processi e tecnologie adeguati, efficienti, semplici, economici e precursori di nuove opportunità in termini di prodotti residuati. I frantoiani ancora non usano metodi innovativi nel trattamento delle acque reflue principalmente perché ignorano le minacce all’ambiente circostante che da esse possono derivare e i benefici che essi potrebbero trarre da un loro utilizzo efficiente, misurabili in termini di nuove opportunità di mercato (mercato energetico, cosmesi, fitoterapia, nutraceutici…). Durante i suoi tre anni di attività (2011-2014) il progetto Medolico – Mediterranean Cooperation in the Treatment and Valorisation of Olive Mill Wastewater (OMW) – sta cercando di informare i frantoiani del rischio ambientale generato dalle loro attività e di fornire loro soluzioni innovative che valorizzino le acque reflue. Il progetto è realizzato da un partenariato composto da enti di 5 Paesi Ue e del Mediterraneo. Coordinatore è il Nireas – Centro internazionale di ricerca sulle acque, Università di Cipro, mentre i partner sono: Matimop, Centro industriale per ricerca e sviluppo (Israele), Unioncamere Liguria e Università di Genova, Dipartimento di chimica e chimica industriale (Italia), Laboratorio nazionale per l’energia e la geologia (Portogallo), Università giordana di scienza e tecnologia (Giordania), Università Ben Gurion (Israele). Grazie a Raffaella Bruzzone, referente Affari europei e relazioni internazionali di Unioncamere Liguria, e Gustavo Capannelli, coordinatore scientifico del progetto Medolico, scopriamo il contributo italiano a Medolico e le diverse sperimentazioni che negli anni si sono susseguite per trasformare i residui della lavorazione dell’olio di oliva in modo efficiente e per il trattamento delle acque reflue inquinanti, dalle quali si possono recuperare polifenoli e altri derivati utilizzati in medicina.

Sperimentazioni sulle acque di vegetazione

La sperimentazione sulle acque di vegetazione (AV) è iniziata presso il Dipartimento di chimica e di chimica industriale dell’Università degli Studi di Genova già alla fine degli anni ‘90, in collaborazione con l’università di Siena e un frantoio della zona del Chianti di Aiole, tra Arezzo e Siena. A partire dal 2006 è stato installato un impianto completo di tipo pilota presso il Frantoio Isnardi di Imperia attraverso un progetto di finanziamento ottenuto mediante un contratto di programma “FioriFrutta” della durata di 3 anni. L’impianto ha funzionato per 4 anni dando ottimi risultati anche sotto il controllo allo scarico da parte dell’ARPA Liguria. La tecnologia messa a punto in questa collaborazione consiste in un doppio processo a membrane: uno di microfiltrazione per separare la parte terrigena e le polpe trascinate e un secondo stadio di osmosi inversa che è capace di trattenere tutti i sali e le molecole organiche solubili. Il risultato è che si ottiene un’acqua depurata e una piccola quantità di soluzione concentrata che può essere facilmente smaltita o destinata a recuperare le molecole di elevato valore nutricetico come i polifenoli. Con tale processo partendo da 1000 litri di acqua è possibile ottenere 950 litri di acqua depurata e solo 50 di soluzione concentrata. Il recupero delle molecole naturali presenti nell’acqua di vegetazione ottenuta dalla spremitura delle olive è molto interessante in quanto il processo individuato, operando solo una separazione fisica, non altera le molecole naturali presenti nel frutto oliva. Nel 2010 è stato installato presso il frantoio di Castel Doria di Dolceacqua un impianto industriale, realizzato in economia e quindi non performante come quello precedentemente descritto. Nel 2011 attraverso un finanziamento a carattere regionale (misura 1.2.4 del PSR) è stato costruito e installato un impianto industriale presso il Frantoio di Fresia di Imperia, il quale, anche in rappresentanza dell’Associazione ligure dei frantoiani, è stato messo in funzione per due campagne olivicole monitorando la qualità di depurazione e i costi di funzionamento. I risultati sono stati interessanti sia nella facilità di conduzione dell’impianto, sia nei valori della qualità di depurazione delle acque.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here