Italian Hops Company: la coltivazione del luppolo compie 7 anni

Lo scopo principale dell’attività di Italian Hops Company (IHC) è quello di dare spazio alla produzione di varietà autoctone di luppolo, partendo dall’esperienza maturata con le cultivar internazionali note. Dallo sviluppo del progetto di ricerca, l’azienda si è mossa realizzando una fitta rete di attori a rappresentare livelli di dialogo e obiettivi diversi. Un canale di interlocuzione è quello con gli enti istituzionali tra i quali lo stesso Ministero per le Politiche Agricole e Forestali, attraverso il quale condividere esperienze e azioni al fine di migliorare quelli che possano essere i protocolli da attuare nella coltivazione di una coltura pressoché sconosciuta nel nostro paese. Da qui la necessità da parte di IHC anche di organizzare eventi formativi, di divulgazione e di laboratori, che prevedano prove di birrificazione con i luppoli raccolti e la collaborazione con i birrifici artigianali che rappresentano il terminale naturale dell’intera filiera.

Nella vision dell’impresa queste azioni di sensibilizzazione dovranno portare a una concatenazione delle diverse attività legate al luppolo che uniscano l’assistenza agronomica e i servizi agli agricoltori facenti capo alla rete di produzione, alle partnership con le diverse realtà dell’industria globale del luppolo e, infine, all’assistenza nella lavorazione post-raccolta e alla commercializzazione.

La chiave di volta rispetto all’impostazione iniziale dell’azienda è stata proprio la realizzazione a partire dal 2017 di una rete di produttori, cui fanno capo 16,5 ettari dei quali una parte non predominante in regime biologico. A questi si aggiungerà nel corso del 2021 la piantumazione di ulteriori 5 ettari e altre superfici ancora in via di definizione. Le varietà oggetto di coltivazione sono al momento quelle, sia di origine americana che europea, che hanno dimostrato di adattarsi al meglio nell’area mediterranea, cui si accompagnano le varietà italiane già registrate. Una quota parte è invece destinata alla sperimentazione e selezione di nuove varietà. Anche l’attività di importazione e distribuzione di luppoli, che affianca quella produttiva, è svolta all’insegna dell’innovazione. La realizzazione di panel sensoriali dedicati sui prodotti da commercializzare, rappresenta in questo senso la cifra dell’attenzione posta al prodotto e consente, allo stesso tempo, di acquisire sul campo l’esperienza necessaria all’ottenimento di prodotti di elevata qualità.

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here