Menabrea: 171 anni di storia italiana

In occasione del lancio ufficiale de “La 150° Rossa” in bottiglia, Casa Menabrea ha aperto le porte della sua storica sede di Biella, ci ha mostrato i processi produttivi che portano a commercializzare annualmente oltre 200.000 ettolitri di birra e ci ha raccontato le evoluzioni che hanno caratterizzato 171 anni di storia.

“Biellese per nascita, italiana per tradizione, mondiale per i successi”: non può che definirsi così quello che è uno dei più celebri e apprezzati marchi di birra presenti nel nostro territorio, oltre che il birrificio attivo più antico d’Italia.

Fondato nel 1846, oggi è guidato da Franco Thedy, quinto discendente della famiglia Menabrea-Thedy, la cui amministrazione si è distinta fin dall’inizio per gli importanti investimenti industriali effettuati, volti ad assicurare processi produttivi efficienti, rispettosi dei più severi standard qualitativi e di compatibilità ambientale. Fra questi, strategici sicuramente il completamento dell’innovativo e moderno impianto di imbottigliamento, le nuove linee di infustamento e gli ingenti interventi di ristrutturazione e ammodernamento dello stabilimento di Biella, che dovrebbero concludersi entro il 2018.

Ma facciamo un piccolo passo indietro…

Un percorso lungo quasi due secoli

Dalla sua fondazione a oggi il birrificio Menabrea di strada ne ha fatta, ampliandosi ed equipaggiandosi gradualmente delle moderne tecnologie, ma rimanendo sempre fedele alla storica sede di Biella, alle proprie antiche tradizioni e alla condivisione di una passione che l’ha sempre contraddistinto. Numerosi e prestigiosi i riconoscimenti conquistati a livello mondiale nei 171 anni di attività, dalle prime antiche onorificenze da parte dei Regnanti ai quattro Gran Premi e medaglie d’oro alle esposizioni di Torino, Roma, Bruxelles e Parigi, fino alle medaglie d’oro e d’argento, dal ’97, al World Beer Championships di Chicago. Nel 1991 l’azienda entra a far parte del Gruppo Birra Forst: un accordo finalizzato a riaffermare l’orgoglio di una birra tutta italiana e a rafforzare ulteriormente la presenza commerciale sul territorio, e che ha permesso a Menabrea di mantenere intatta la sua forte identità e indipendenza, riuscendo a conservare viva la cultura e la tradizione birraia e ritagliandosi un posto d’onore nel panorama internazionale.

Cottura, fermentazione, stagionatura a freddo e filtrazione

In 171 anni di produzione Menabrea, che in origine produceva solo due tipi di birra, è in procinto di realizzare una nuova sala cottura, la quarta, sostituendo l’attuale attrezzatura anni 70 con modernissimi impianti che permetteranno più produttività e più variabilità nella produzione giornaliera. Ogni passaggio produttivo è curato in ogni dettaglio e ogni ingrediente viene selezionato dal mastro birraio:…

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here