Bottiglie e fusti per etichette di pregio

Protagonista riconosciuto del successo della birra artigianale del nostro Paese, il Birrificio Italiano di Limido Comasco fondato da Agostino Arioli produce etichette decisamente fuori dall’ordinario. Abbiamo visitato l’azienda assistendo alle fasi di confezionamento.

Lo sferragliare della linea d’imbottigliamento è attenuato dalla musica diffusa da altoparlanti, una selezione continua di rock e cantautori italiani. Il tutto mentre il confezionamento dei fusti, da un lato, e quello delle bottiglie di vetro, dall’altro, va avanti secondo una collaudata procedura. Siamo al Birrificio Italiano di Limido, in provincia di Como, uno dei primissimi produttori artigiani di birra apparsi nel nostro Paese sul finire degli anni ’90, quando il fenomeno si sviluppò come reazione di alcuni appassionati della bevanda di Cerere al dilagare delle birre commerciali.

BIT_2393Passione e determinazione

Individui appassionati ma anche determinati. Che, viaggiando per l’Europa e per il Nord America in particolare, si erano resi conto della possibilità concreta di incrinare il predominio della grande industria birraria. Uno di questi lungimiranti personaggi fu Agostino Arioli, tuttora a capo del Birrificio Italiano, la cui meritata fama di mastro birraio è dovuta e testimoniata dalle sue numerose etichette fuori dall’ordinario.

L’aggirarsi tra gli ambienti del birrificio che abbiamo visitato permette di seguire le varie fasi della produzione che precedono l’imbottigliamento. Ecco dunque il magazzino dei malti e il molino che li macina in maniera grossolana affinché durante l’ammostamento l’ingrediente fondamentale per la produzione della birra rilasci gli amidi che si trasformeranno in alcol grazie all’azione dei lieviti. La miscelazione di malto e acqua è determinante per quanto riguarda la birra che si vorrà ottenere.

La sala di cottura

Mediamente si diluisce una parte di malto in tre d’acqua per una birra base come la Tipopils del Birrificio Italiano e una parte di malto con due d’acqua per, ad esempio, …

 

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Imbottigliamento © 2017 Tutti i diritti riservati