“250”: il Sauvignon blanc di Magea Beverages in lattina

Produrre grandi vini in maniera sostenibile grazie alla lattina. Questo l’obiettivo della cantina veronese Magea Beverages che ha recentemente presentato il nuovo 250” Sauvignon blanc in edizione limitata di sole 4.000 unità in un’elegante ed esclusiva lattina. Il nome 250 si rifà alla capacità della lattina: 250 ml.

La scelta di produrre grandi vini in lattina va incontro alle mutate esigenze dei consumatori che vogliono un prodotto da gustare in modo più sostenibile, più salutare e pratico. L’alluminio, inoltre, è riciclabile all’infinito: basti pensare che il 75% di tutta l’estrazione effettuata nella storia è ancora in uso. La logistica per le lattine in alluminio, inoltre, contribuisce in maniera significativa alla riduzione dell’impronta di CO2 rispetto agli altri contenitori, occupando meno spazio e pesando molto meno. Seguendo le linee guida di Wine in Moderation la lattina è anche più salutare perché il suo contenuto equivale a due bicchieri di vino e permette di degustare il vino appena aperto.

Il primo vino del brand “250” è il Sauvignon blanc, con denominazione Varietale Italia e provenienza dai vigneti dell’Alto Adige dove è stato introdotto alla fine dell’Ottocento. Le condizioni geografiche e climatiche nelle quali viene coltivato conferiscono seducenti note fruttate di uva spina, fiori di sambuco e ribes nero. In bocca sprigiona la freschezza accompagnata da una gradevole mineralità con un finale elegante e persistente.

Il colore giallo paglierino chiaro con riflessi verdolini del vino ha ispirato il colore dell’etichetta stessa che è realizzata interamente con materie prime riciclate quali il Vanish e la carta Ronda. Il processo di accoppiamento e di nobilitazione ha conferito esclusività.

L’immagine di “250” è il risultato di una collaborazione che ha stimolato ed enfatizzato le professionalità dei singoli partner:

  • Luxoro: partner esclusivo in Italia del Gruppo KURZ – player mondiale e punto di riferimento nella produzione di attrezzature e tecnologie per il mondo della nobilitazione – attraverso le sue ispirazioni, Luxoro vuole diffondere un nuovo modo di pensare il packaging e l’immagine dei brand con soluzioni di nobilitazioni inedite e materiali di altissima qualità studiati per design unici. Grazie a rigorose politiche aziendali volte alla sostenibilità ambientale, Luxoro è da tempo una realtà a energia 100% rinnovabile e partner WWF.
  • UPM Raflatac: multinazionale finlandese, leader nella produzione di materiali autoadesivi sostenibili. Da sempre impegnata in un percorso verso soluzioni di etichettatura circolari, funzionali e all’avanguardia, UPM Raflatac punta a un futuro oltre i combustibili fossili.
  • Grafical: nata come tipografia per la stampa a foglio nel 1984 ad opera dei fratelli Lonardi a Marano di Valpolicella, Verona, si è poi evoluta dotandosi delle migliori tecnologie per la stampa delle etichette in bobina di alta qualità. Il punto di forza di Grafical è costituito dalle molteplici nobilitazioni che l’azienda è in grado di offrire ai settori di riferimento quali wine&spirits, cosmetico e alimentare. L’azienda è certificata BRCGS e FSC.
  • O,nice Design!: studio di visual design fondato nel 2005 a Verona, progetta da sempre packaging per il mondo wine&spirits, coniugando una spiccata creatività con una profonda competenza tecnica su materiali, lavorazioni e nobilitazioni.

Sul numero di febbraio racconteremo il progetto nei dettagli!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here