Distilleria Roner: una sinergia perfetta, dall’uva alla grappa

A Termeno in Alto Adige, lungo la strada del vino, in un ambiente ad alta vocazione vitivinicola e frutticola, la famiglia Roner produce grappe, distillati e liquori dal 1946. Un’avventura imprenditoriale di successo, tutta familiare, che prosegue ormai da tre generazioni. Denominatore comune dell’offerta Roner è la proposta di un paniere di alta qualità frutto di un’esperienza ultrasettantennale nella distillazione e della meticolosa ricerca di ingredienti di qualità provenienti dal territorio altoatesino. Qualità che è stata ampiamente premiata nei numerosi concorsi ai quali la distilleria ha partecipato, tanto che oggi Roner si può fregiare dell’appellativo di “distilleria più premiata d’Italia”. Racconta la distilleria Katrin Roner, terza generazione da molti anni ormai alla guida di questa azienda altoatesina.

Roner è una storia di famiglia…

Fu mio nonno Gottfried Roner, nel 1946, a cimentarsi nella produzione della grappa. Acquistò un alambicco e lo istallò nella casa di famiglia. Lui era un grande appassionato della nostra terra, così prodiga e fertile nella produzione di frutti. Proprio quei frutti, quelle radici, quelle bacche raccolti nei boschi del circondario venivano macerati e uniti alla grappa, secondo la tradizione locale. Così nacquero non solo le prime grappe Roner ma anche liquori alla genziana, al ginepro, al mirtillo che costituiscono tutt’oggi una specialità della nostra azienda. Mio padre Andreas e lo zio Guenther crebbero tra gli alambicchi e ciò fu una fortuna perché ereditarono il “naso” di nonno Gottfried. Entrarono in azienda verso la metà degli Anni ’60 ed ebbero sempre a cuore la qualità delle loro produzioni. Un “pallino” che ancora oggi caratterizza Roner e che ci porta a proporre sul mercato solo distillati prodotti al 100% in modo naturale.

E oggi?

Roner è un’azienda fortemente improntata a quei valori che hanno portato alla sua nascita. Un’azienda tenacemente legata al proprio territorio, alle materie prime che esso mette a disposizione, alle tradizioni e al fattore umano. Non a caso è la distilleria più premiata d’Italia! Una tradizione che però deve essere oggi necessariamente declinata con le moderne esigenze e tendenze di consumo, al gusto del consumatore. Per questo motivo, Roner può essere considerata un’azienda sì legata alla tradizione ma anche all’innovazione di prodotto. Il nostro paniere è molto ampio, sebbene ci proponiamo di delimitarlo, nascono continuamente nuove idee e da esse spesso nuovi prodotti come KIKU Apple Gin, l’ultimo nato e il primo London Dry gin alla mela delle Dolomiti. Zenzi, sempre in tema di novità, è un liquore allo zenzero e alla pesca unico nel suo genere; Caldiff 80 è un distillato di mele Gravensteiner nobilitato per 17 anni in barrique…

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here