Sigila, la nuova divisione di tappi Amorim

Che si tratti di vino, birra o distillati, oggi il packaging fa la differenza. Cosa c’è di meglio di un sigillo evocativo, capace di promettere la qualità che poi effettivamente mantiene? Nasce da questa sfida SIGILA, nuova divisione di tappi Amorim che punta tutto su innovazione, rispetto dell’ambiente e design. Ne emergono, protagonisti assoluti, modelli quali HELIX, il tappo in sughero che non ha bisogno del cavatappi, speciale per i vini fermi, COLORS, dalla vivace personalità, VINOLOK, la chiusura in vetro accattivante per vino e distillati, TOP SERIES, il sigillo distintivo per distillati e liquori e T.HOPS, tappo in sughero d’avanguardia per la birra artigianale.

La portata rivoluzionaria di Sigila si traduce sia nell’innovazione di prodotto, che impatta a livello tecnico sul packaging e sulla piena tutela del prodotto contenuto, sia nella fase di vendita con una elevata flessibilità progettuale, capace di alti livelli di personalizzazione delle bottiglie e un servizio di consulenza che prende vita dall’idea del committente e arriva fino al momento dell’imbottigliamento.

L’esperienza nasce dall’affiancamento del cliente per trovare le soluzioni più aggiornate, in linea con i trend di un mercato sempre più competitivo, segmentato ed esigente che impone soluzioni dedicate. Sigila emerge così quale linea di tappi con cui celebrare il proprio racconto, forti di un know how centenario della lavorazione dei materiali che si presta a lavorazioni custom-made, tra processi produttivi virtuosi e materiali che si impreziosiscono tra loro, quale vetro, sughero e legno, tutti ad alto livello di sostenibilità, anche ambientale, forti del credo Amorim per cui processi produttivi sostenibili possono garantire anche al cliente un valore aggiunto.

Richiedi maggiori informazioni










Nome*

Cognome*

Azienda

E-mail*

Telefono

Oggetto

Messaggio

[recaptcha]
Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here