Argiolas, l’unicità della Sardegna in un bicchiere

Legame con la tradizione, massima attenzione alla qualità e all’aggiornamento tecnologico in vigna, in cantina e per quanto riguarda la comunicazione del prodotto, sono i capisaldi della filosofia produttiva che anima Argiolas. Quello in campo e in cantina è ancora oggi un lavoro “sartoriale”, nonostante l’azienda processi annualmente 2,5 milioni di bottiglie. L’obiettivo è di ottenere il più elevato standard qualitativo possibile sia sulle linee base sia su quelle di più alta gamma. La cantina di Argiolas è costituita da un nucleo storico, realizzato dal fondatore, Antonio Argiolas, e da una parte più moderna. «La cantina è stata di recente ristrutturata e oggi ha una capienza totale di 60.000 hl tra vasche vinarie in cemento e serbatoi in acciaio – esordisce Mariano Murru, direttore tecnico di Cantine Argiolas -. Siamo stati tra i primi in Sardegna a riscoprire l’impiego del cemento; oggi la capacità complessiva dei nostri vasi vinari in questo materiale si aggira intorno ai 20.000 hl. I vitigni tradizionali beneficiano dell’affinamento in vasche di cemento in particolare Cannonau, Monica, ma anche il Carignano che sono i nostri vitigni tradizionali più diffusi. Chiaramente l’affinamento su legno rappresenta un passaggio altrettanto importante per i nostri vini rossi: sono circa 2.000 i fusti oggi presenti in cantina. L’acciaio è invece indispensabile per i vini bianchi, sia per la maggiore facilità di detersione e di sanificazione, sia per il controllo della temperatura, sia in fase fermentativa sia successivamente. Al fine di favorire un miglior controllo di questo parametro ed evitare dispersioni di energia, l’intera parte di affinamento della cantina si trova in locali interrati». Argiolas ha puntato molto sulla sostenibilità ambientale; oggi dispone di un impianto fotovoltaico da 200.000 kW, ma si è impegnata anche a ridurre sprechi riguardanti il consumo energetico e idrico – in campo e in cantina – il recupero di tutti i materiali ausiliari in plastica e cartone, ha ridotto la grammatura delle bottiglie per un minor utilizzo di vetro…

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here