Broccanera: un passato antico che guarda al futuro

Broccanera è l’attività vitivinicola di Giorgio Santini, arceviese di 45 anni, studi all’Istituto Alberghiero di Senigallia e alle spalle una famiglia nel mondo della ristorazione dal 1962, con il ristorante “La Baita”, sempre in Arcevia. «Il vino, una passione di famiglia, l’ho sempre voluto fare – ricorda Santini -. Già mio nonno era un viticoltore e conferiva il vino a Moncaro, un’importante cantina della zona. Ho iniziato come chef nel locale dei miei genitori e poi mi sono messo a coltivare le terre del nonno, aggiungendone altre nel tempo. La filosofia del mio vino sposa quella dell’associazione Terroir Marche: essere vignaioli bio! Rispettare la natura e prendersi cura dei terreni, dalla pulizia dei fossi alla pianta, limitando al minimo il proprio impatto ambientale.»

Premessa

«Il nome Broccanera – prosegue nel suo racconto Giorgio Santini – nasce perché gli scavi delle antiche terre patronali, eseguiti per costruire le fondamenta della nuova cantina, hanno riportato alla luce i frammenti di un’antica brocca di colore nero, verosimilmente usata nel passato per contenere del vino. Così abbiamo ritenuto potesse essere di un buon auspicio dare questo nome alla nostra cantina e, ancor di più, abbiamo deciso di ispirarci ogni volta ai nomi di alcune anfore antiche per ciascuno dei nostri vini: Broccanera (come la cantina), Suprino, Cantàro, Zirro, Cana, Asco… I nostri sono vini a basso impatto ambientale, lavorati secondo metodi naturali, controllando ogni singolo passaggio produttivo e riducendo al minimo gli interventi in vigna con antiparassitari. Inoltre sfruttiamo l’energia solare grazie all’installazione di pannelli solari per autoalimentarci nei consumi energetici. La cantina sorge nei pressi di Montale, che è uno dei numerosi castelli del comune di Arcevia, in provincia di Ancona, nell’entroterra marchigiano. I terreni, tutti ad un’altitudine di circa 300 metri sopra al livello del mare, ospitano in prevalenza un vitigno autoctono prezioso come il Verdicchio».

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here