Galvanina: la rivoluzione continua

bottiglie aranciata rossa GalvaninaÈ un’azienda dalla storia centenaria, un fatturato da 60 milioni di euro, tre stabilimenti tra Marche ed Emilia Romagna, oltre 200 milioni di bottiglie prodotte ogni anno tra acque minerali e bibite biologiche. Quasi 1.300 etichette differenti, grazie a un vasto catalogo che esporta per il 91%. Proprio in questo periodo Galvanina Spa ha in essere tutta una serie di importanti novità. Ad anticiparcele direttamente il suo presidente, Rino Mini.

Tra Fonte San Giuliano Sacramora e lattine

«Stiamo terminando il terzo stabilimento produttivo a Sacramora, una fonte storica qui a Viserba di Rimini, che speriamo possa essere completamente operativo con le nuove linee tra un mese e mezzo circa – ci anticipa in febbraio il presidente di Galvanina Spa, Rino Mini, con il ragionato entusiasmo di chi nel settore del beverage vive da sempre e sembra aver l’intenzione di non fermarsi mai -. Questo sarà il nostro secondo sito produttivo a Rimini, aggiungendosi a quello originario di San Lorenzo Monte di Rimini, in cui abbiamo il nostro headquarter (produttivo, termale, amministrativo, logistico e commerciale), e a quello di Apecchio, in provincia di Pesaro Urbino, dove vengono imbottigliate le nostre acque oligominerali Val di Meti. In tutti questi stabilimenti sono in corso (o presto lo saranno) ristrutturazioni, riorganizzazioni e potenziamenti nelle linee di imbottigliamento. Ad Apecchio, per esempio, l’ampliamento è stato notevole: abbiamo raddoppiato le superfici e triplicato le linee. Mentre a Sacramora ci siamo già trovati in corso d’opera a dover cambiare la linea produttiva per le lattine, poiché non appena montata si è comunque già rivelata troppo piccola per i contratti che abbiamo al momento in essere. Abbiamo deciso di puntare su questo nuovo contenitore in alluminio del tutto riciclabile e ci attende una sempre maggior produzione di lattine qui a Rimini.»

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here