Vino per l’India

L’export di vino italiano in India rappresenta una percentuale modestissima del totale. I consumi del paese sono limitati, anche se in crescita e l’importazione è gravata da un pesante sistema di dazi e accise. Le regole di etichettatura e gli standard di prodotto sono invece chiari e accessibili.

Il mercato del vino in India è piccolo, totalizza tra produzione domestica e importazioni circa 20 milioni di litri a fronte di 1.251.700.000 abitanti al luglio 2015. La viticultura indiana ha tradizioni lontanissime e l’industria del vino è stata incoraggiata durante la colonizzazione portoghese e inglese; l’indipendenza ha però inizialmente portato il proibizionismo completo dell’alcol. Negli anni 80 il consumo di vino è ripreso con la crescita della middle class e ora assistiamo a un incremento dei consumi del 20-30% annuo. Cresce parallelamente la produzione interna da uve locali e da mosti di importazione, che non riesce comunque a coprire la domanda. I maggiori esportatori sono Francia, Italia, Australia, USA, Cile. Per l’Italia il mercato indiano rappresenta soltanto lo 0,1% dell’export totale. Le importazioni sono fortemente penalizzate dall’imposizione dei dazi federali e da un ulteriore sistema di dazi e accise statali, che alla fine rendono il prezzo della bottiglia di vino importato poco accessibile, limitandola al settore Ho.Re.Ca.

grapes rainbowIl sistema dei controlli e i requisiti per importare in India

Il Food Safety and Standards Act, 2006 ha istituto la Food Safety and Standards Authority of India (FSSAI), con la missione di proteggere e migliorare la salute pubblica attraverso la regolamentazione e la supervisione della sicurezza alimentare. FSSAI regolamenta e controlla anche l’importazione degli alimenti. Per esportare in India è necessario avere una struttura operativa in loco o avvalersi di un importatore. L’importatore deve dotarsi dell’Importer/Exporter Code (IEC) che va citato a ogni importazione e del Permanent Account Number (PAN) al fine del pagamento dei dazi. In alcuni Stati l’etichetta e/o il marchio devono essere registrati, anche con rinnovo annuale.

Documenti, certificate e procedure di importazione

Le importazioni in India ricadono in quattro categorie:

  • beni importabili liberamente, senza licenza di importazione. Per alcuni prodotti, in relazione a tipo e origine, sono richiesti documenti o certificati specifici;
  • beni soggetti a restrizione, che richiedono una Licence to Import Restricted Items;
  • beni canalised, destinabili esclusivamente ad agenzie del settore pubblico;
  • beni proibiti.

Le procedure di dogana sono esercitate dal Central Board of Accise and Customs, che richiede:

  • la fattura (Invoice), che riporta compratore, venditore, paese di origine, prezzo, descrizione dettagliata dei beni e quantità;
  • il Certificato di Origine, rilasciato dalla CCIAA, con i dettagli circa la provenienza del vino se DOC, DOCG, ecc.; va controfirmato dall’importatore;
  • il Certificato di Analisi di ente terzo; va controfirmato dall’importatore.

Sono inoltre necessari: la Dichiarazione doganale (Documento Amministrativo Unico DAU) di esportazione definitiva da UE; il Certificato di esportazione, rilasciato dal Ministero del Commercio Internazionale, che autorizza l’operatore a effettuare l’esportazione (nel caso dei prodotti agricoli soggetti a regolazione comunitaria dei mercati); i Documenti di trasporto (bill of lading, packing list, insurance policy).

Gli imballaggi in legno devono essere fumigati secondo la normativa ISPM n° 15.

All’arrivo del carico l’importatore presenta la dichiarazione doganale di entrata, Bill of Entry, il Delivery Order (DO), il Double Duty Bond e l’eventuale Bank Guarantee; effettua poi l’iter dello sdoganamento, pagando dazi e accise. Ogni carico dotato dei certificati richiesti viene esaminato da FSSAI, con il possibile prelievo di campioni per l’analisi. Quindi viene rilasciato il no-objection Certificate (NOC). Le importazioni sono gestite mediante il Food Import Clearance System (FICS).

Accordi commerciali, dazi e tasse

L’India aderisce ai principali accordi internazionali, come il WTO e il WCO (World Customs Organization), nonché ai vari accordi tra i paesi dell’area asiatica. Con numerosi di questi ha anche trattati di libero commercio; intrattiene rapporti preferenziali con alcuni paesi del Sud America.

Ai beni che provengono dall’Italia, in assenza di accordi bilaterali, sono applicati i dazi delle MFN.

Cost, Insurance and Fright (CIF): il valore ai fini fiscali del vino importato è costituito dal suo prezzo e da quello dell’assicurazione e del trasporto. In India sul CIF viene caricato un ulteriore 1% e si ottiene l’Assessable Value (AV) o valore imponibile. Su AV si calcola il dazio federale pari al 150%, cui si aggiunge un altro 4%, a dare un complessivo 160%: questo è il Custom Paid Price (CPP). Ogni Stato aggiunge poi ulteriori dazi e accise Vend Fee propri, variabili da Stato a Stato e calcolate nel singolo Stato secondo le classi di valore CIF del vino. Solo per dare l’ordine di grandezza la Dogana di Mumbai carica un ulteriore 200% del valore CIF, quella di Dehli un 50%.

Ulteriori approfondimenti sul numero di ottobre di Imbottigliamento

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here