Un nettare in bottiglia

Il San Colombano è l’unico vino Doc della provincia di Milano. Lo produce la famiglia Riccardi. La linea DI IMBOTTIGLIAMENTO è predisposta pure per la sboccatura di spumanti metodo classico.

L’azienda agricola Nettare dei Santi rivela agli occhi di chi la visita un insieme di singolarità. Si trova infatti a San Colombano al Lambro, tra le colline che s’alzano a sud-est della Lombardia, così ben pettinate da stupendi vigneti da regalare a chi sa coltivarli l’unico vino Doc della ex provincia di Milano ora “città metropolitana”. Barbera, Croatina e Uva rara sono i vitigni più tipici della zona e chi se ne intende nota già da questo attinenze con l’Oltrepò Pavese e con le etichette dei Colli Piacentini, due territori vinicoli tra i più rinomati del Nord Italia distanti solo una ventina di chilometri e caratterizzati da terreni simili, originati dai depositi che il Po e il Lambro, suo affluente, hanno rilasciato modificando il proprio letto nel susseguirsi delle epoche geologiche.

Si vinifica dal XVI secolo

Le uve citate si ritrovano in particolare nel San Colombano rosso, la Doc storica alla quale si è aggiunto poi il bianco a base di Chardonnay, Pinot nero e Riesling. La coltivazione della vite nelle colline dei dintorni risale in maniera documentata al XVI secolo, quando il territorio era feudo dei Certosini. Ma di insediamenti agricoli ve n’erano certo anche nel Trecento, durante il dominio di Galeazzo Visconti, artefice dei primi insediamenti urbani stabili. Nel VI secolo visse invece qui Colombano, il frate missionario irlandese santificato al quale si deve il nome del paese che non dista molto neppure da Lodi.

A fondare Nettare dei Santi negli anni ’50 fu Franco Riccardi, atleta di fama internazionale, con quattro medaglie d’oro olimpiche di spada nel 1928, 1932 e 1936 e produttore di vino prima per passione e poi per professione. Legatissimo a questo territorio, Franco fu il primo a imbottigliare il vino di San Colombano, a farlo apprezzare sulle tavole soprattutto dei milanesi e a distinguerlo con il marchio ideato.

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here