La Magia 2016 di Collesi

Quest’anno il brindisi delle feste esclusivo e originale è con Collesi: il noto birrificio artigianale marchigiano (oltre 60 medaglie collezionate in meno di 10 anni di storia) ha dedicato una birra speciale edizione limitata alla magica atmosfera di Natale e Capodanno. Si chiamerà Magia 2016 e sarà prodotta esclusivamente per questa stagione.

birra-collesi-magia-2016_lowCome tutte le Collesi, anche la limited edition Magia 2016 è realizzata osservando l’antica ricetta dei monaci belgi: una birra artigianale ad alta fermentazione, non pastorizzata e con rifermentazione naturale in bottiglia. Ma accanto a questo marchio di fabbrica, la nuova birra si distingue con la sua unica personalità. Una doppio malto dal colore ambrato, caratterizzata da un bouquet di aromi che richiama note di caramello e sentori di frutta secca, un sapore delicatamente amarognolo, conferito dal malto ambrato, e infine un corpo morbido e avvolgente, con un perlage fine sotto una sottile schiuma vellutata e persistente.

Magia 2016 è una birra prestigiosa anche nella bottiglia, dalla classica forma champagnotta e con l’inedita etichetta impreziosita da stelle color dorate.

Servita a una temperatura ideale di 7/8°C, si abbina perfettamente alla tavola delle feste con piatti a base di carni rosse alla griglia, legumi, dolci al cioccolato e crème caramel.

La birra Magia 2016 è già disponibile presso i migliori rivenditori specializzati, ristoranti e locali, oltre che nello stabilimento di Apecchio (PU).

Con l’edizione limitata delle feste, il birrificio Collesi reinterpreta un’antica usanza che affonda le sue radici nell’autentica cultura brassicola belga e nord europea. È in quelle regioni che da più di 200 anni si tramanda la tradizione delle birre natalizie: inizialmente prodotte nei villaggi per un consumo famigliare, queste birre speciali – spesso più forti e speziate – si sono via via diffuse come regalo di fine anno per i dipendenti dei birrifici o per i clienti più affezionati, fino a diventare prodotti destinati sì al largo consumo ma con un allure di maggior prestigio.

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here