Open Garden Baladin, beer lover in azione

È partito il 19 ottobre il crowdfunding volto a sostenere l’apertura del primo Open Garden Baladin della birra artigianale italiana. Dal sogno di Teo Musso, fondatore di Birra Baladin, un luogo unico nel cuore delle Langhe in cui riscoprire i valori della terra, dell’agricoltura e delle tradizioni di un territorio.

DCIM100MEDIADJI_0952.JPG

Il progetto coinvolge tutta la community di amanti della Birra “Viva”, prodotta da Baladin – il più antico birrificio artigianale indipendente -, che sono invitati a collegarsi a una piattaforma dedicata e partecipare attivamente a un’operazione di crowdfunding “reward based” ovvero un finanziamento collettivo – il primo in Italia – basato su riconoscimenti a fronte dell’offerta economica. L’operazione, che durerà un mese, ha l’obiettivo di raccogliere 200.000 dollari per trasformare il grande sogno di Teo in realtà. È proprio all’interno dei grandi spazi che ospitano la nuova sede di del birrificio Baladin di Piozzo (Cuneo), infatti, che sta prendendo vita il parco tematico di 70.000 metri quadrati dedicato alla Birra “Viva” e al rapporto che la lega alla Terra in uno spazio “Open” di nome e di fatto. Al centro, una grande cascina del 1600 che diventerà teatro di numerose attività all’insegna della riscoperta di antiche tradizioni ospitando il forno a legna per il pane, i mercati dei produttori locali, la macelleria, il pub, la sala convegni, il laboratorio del cioccolato artigianale e che verrà ristrutturata e resa operativa grazie all’aiuto di tutti i donatori per farla tornare a nuova vita.

Appassionati, cultori e non di birra, amanti del buon cibo potranno infatti trascorrere qui giornate di relax e cultura rurale conoscendo da vicino come nasce una birra, dal campo al bicchiere (il TEKU in vetro progettato in esclusiva), fare degustazioni di birra e di prodotti del territorio grazie ai mercatini locali (ogni visitatore potrà, a sua scelta, cucinare il proprio cibo o quello acquistato nel parco o affidarsi in parte o del tutto agli chef Baladin) oppure anche solo passare dei momenti assieme in totale serenità. Uno spazio green insomma aperto a tutti, dove vivere esperienze o semplicemente rilassarsi con la famiglia e gli amici; ma anche un’occasione per difendere valori antichi facendo vivere il lavoro e l’identità delle piccole aziende locali che attraverso l’autoproduzione ribadiscono con orgoglio i temi di filiera italiana e Made in Italy grazie alla completa tracciabilità, tutta italiana, delle materie prime, dei prodotti e dei processi.

Tantissimi i riconoscimenti per i sostenitori che collegandosi alla piattaforma Indiegogo potranno selezionare i numerosi reward: si parte dai cavatappi in edizione speciale ricavati dal legno delle botti di affinamento delle pregiate birre Baladin Xayuyù, per arrivare a una giornata intera insieme a Teo presso il Baladin Open Garden per raccogliere il luppolo o per creare con lui una Birra “Viva” e per conoscerne tutti i segreti.

L’inaugurazione del Baladin Open Garden è prevista per il 21 giugno 2017, con una grande festa in cui non mancherà una postazione dedicata ai sostenitori del crowdfunding con degustazioni e omaggi. Inizialmente la location sarà aperta con tutti i servizi attivi solo alla domenica (successivamente anche al sabato), mentre visitabile tutti i giorni.

magnum_baladin_open_garden_fondo_scuroA suggellare il progetto, una nuova birra creata dall’estro di Teo e dei mastri birrai di Baladin e non a caso battezzata “Open Garden”, prodotta con un malto speciale lavorato all’interno  di un micro laboratorio di maltatura artigianale che verrà realizzato in una struttura del parco e che sarà servita esclusivamente alla spina agli ospiti che visiteranno il Baladin Open Garden.

 

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here