Birre artigianali con etichette di classe

Il successo del design di un’etichetta è sempre il risultato di un processo di collaborazione fra le persone. Ecco perché i proprietari del marchio Glarus, Deyan Ivanov e Ivelin Dorovski, si sono alleati con il designer Jordan Jelev, con l’azienda specializzata nella stampa di etichette Rotoprint OOD e con UPM Raflatac, creando un’etichetta per una birra artigianale che ha davvero preso il volo.

Jordan Jelev – direttore artistico, graphic designer, calligrafo e realizzatore di etichette – era un nome già noto a Deyan Ivanov: «Il suo nome è famoso tra i produttori di vino. Lavorare con i migliori paga. Naturalmente la birra deve avere un sapore eccellente, ma il design e la stampa dell’etichetta devono dare l’impressione di un prodotto di lusso». Lo stesso Jelev afferma che il design è sempre un processo collaborativo; il nome e il marchio, ad esempio, sono stati concepiti dai proprietari del marchio Glarus. «A partire da lì ho visualizzato il design della nuova etichetta. Ho disegnato i gabbiani e i loghi e creato i caratteri tipografici. Tra noi c’era una chimica naturale che si è trasformata in un rapporto amichevole che, a sua volta, ha creato un buon ambiente per il lavoro di progettazione. L’obiettivo del designer è creare un aspetto che sia facile da ricordare, che possa essere spiegato e che sia strettamente legato al soggetto al quale lavora. “Glarus” fa pensare al mare, quindi era logico includere l’immagine di un bel gabbiano di Varna. Ho voluto creare un’etichetta che potesse essere immediatamente riconosciuta e ricordata, perché il cliente possa dire “Sto cercando la bottiglia con il gabbiano”».

image001Resistente per l’utilizzo in condizioni difficili 

Per dare vita al design di un’etichetta, Jelev nel suo ruolo creativo tiene conto dei materiali, della tecnologia di stampa e delle capacità della tipografia. «Quando si progetta un’etichetta si devono prendere in considerazione tutte le condizioni di uso e stoccaggio delle bottiglie, per evitare di creare un’etichetta che si stacchi durante il trasporto, ad esempio. Per evitare rischi, per le etichette Glarus ho scelto di utilizzare il film metallizzato PP Silver TC 50 di UPM Raflatac. Questo prodotto per etichette è impermeabile, dotato di una buona resistenza alle basse e alle alte temperature, resistente ai graffi e visivamente accattivante. È dotato anche di un ottimo adesivo RP 37. Inoltre, questo film metallizzato in argento ha eliminato la necessità della stampa a caldo».

Aggiunge poi che l’effetto metallizzato viene preservato durante la stampa. Per sfruttare al massimo la sua bellezza, ha utilizzato delle sovrimpressioni di colore bianco. Nella parte superiore dell’etichetta ha giocato con le linee in argento per creare la sensazione di prospettiva, orizzonte e volo, «un’area nella quale il nostro gabbiano si sentisse a proprio agio».

Luminosità metallica per lo scaffale

Consapevole delle capacità del produttore di etichette Rotoprint OOD, Jordan Jelev ha definito i dettagli per la produzione delle etichette con Deyan Ivanov; tutto è stato stabilito affinché non ci fossero problemi con la stampa prendendo in considerazione, al contempo, le condizioni di stoccaggio e distribuzione del prodotto. «Ci sono stati casi in passato in cui la stampa a caldo si cancellava quando il prodotto veniva riposto nelle scatole e casi in cui le etichette si staccavano quando il prodotto veniva raffreddato. Lavorando insieme, siamo stati in grado di evitare questi problemi prendendoli in considerazione in fase concettuale – afferma Violeta Nikiforova, direttore presso Rotoprint OOD -.Il film PP Silver TC 50 è un ottimo prodotto con cui lavorare ed è ideale per alcuni design grazie alla sua luminosità e al fatto che è in grado di resistere alle specifiche condizioni di stoccaggio del prodotto. Jordan era molto soddisfatto del materiale perché non vi era la necessità della stampa a caldo». Afferma poi che il processo di stampa è molto semplice e prevede la stampa flessografica a tre o quattro colori. L’interessante effetto incisione e di risalto dell’etichetta Glarus si ottiene grazie all’impiego di finiture opache e lucide, e la parziale sovrimpressione bianca modifica l’aspetto del colore.

image003Strategia vincente

L’etichetta Glarus è finora l’unica etichetta autoadesiva per una birra bulgara, con il frontale e l’adesivo scelti appositamente per creare un prodotto dall’aspetto eccezionale da esporre nei punti vendita. Deyan Ivanov afferma che a riprova della qualità del prodotto, le vendite della loro birra artigianale sono aumentate fino quasi a raggiungere la massima capacità produttiva. «Continueremo a differenziare le nostre birre per sapore del prodotto e colore dell’etichetta, mantenendo al contempo un’immagine del marchio coerente affinché quando i clienti vedono la bottiglia, sappiano immediatamente cosa c’è dentro e possano rapidamente identificarla sugli scaffali. Continueremo a utilizzare queste strategie vincenti».

 

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here