Vegano certificato: nasce un’etichetta a garanzia dei consumatori

Sono sempre di più gli italiani che adottano una dieta “verde”: l’8% circa secondo il Rapporto Italia Eurispes 2016. Il 7,1% si dichiara vegetariano, mentre l’1% è vegano.
L’ente di certificazione internazionale DNV GL – Business Assurance ha messo a punto una certificazione che consente ai consumatori di scegliere consapevolmente prodotti in linea con le proprie esigenze alimentari, grazie a un marchio riportato direttamente sul prodotto. L’etichetta diventa così garanzia di un processo produttivo che risponde a una specifica tecnica che riassume i principi contemplati dalle principali normative internazionali di riferimento per la produzione alimentare vegana.

vegLa specifica si applica a tutti i prodotti alimentari di origine non animale e contempla le seguenti norme di riferimento:

  • Regolamenti (CE) n. 1829/2003 e 1830/2003 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 22 settembre 2003;
  • UNI EN ISO 22005:2008;
  • Reg 1169-2011;
  • ISO/IEC 17065;
  • European Vegetarian Union, Settembre 2015

Si attesta che l’alimento non contiene materie prime, ingredienti e coadiuvanti di origine animale e che non è stato esposto a rischi di contaminazione, ossia di passaggio diretto o indiretto di ingredienti indesiderati.

Tra i primi in Italia a ottenere il riconoscimento, la cantina siciliana Firriato.

 

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Imbottigliamento © 2017 Tutti i diritti riservati