Epsilon Wine, nata per stupire

Black, White, Gold, Pink, Platinum, Sweet, Luxxo: sono gli spumanti della linea di tendenza della cantina trevigiana Ca’ di Rajo, che mette in mostra etichette minimal e un packaging dai colori forti e appariscenti, dove la vera protagonista è la bottiglia.

NYC_0200È un’azienda guidata da giovani, dinamica e in costante espansione sui mercati internazionali Ca’ di Rajo, cantina trevigiana di San Polo di Piave (Tv), oggi presente in circa 40 Paesi, dagli Usa alla Tailandia, dall’Estonia alla Malesia. La storia di quest’azienda, e di vignaioli legati a filo doppio con il territorio, comincia nel 1960, quando la famiglia Cecchetto dà il via alla trasformazione della nuda terra in vigneti di pregiate uve e col sudore del proprio lavoro, nel 1972, ne diviene proprietaria. Oggi alla guida si trovano i tre nipoti del fondatore della cantina Marino Cecchetto, Simone, Alessio e Fabio, che hanno fatto dell’attenzione per la qualità, del rispetto della tradizione e della valorizzazione del territorio e delle sue varietà autoctone – come Raboso e Manzoni Bianco e Rosa – i cardini dell’attività aziendale. Un milione, in totale, le bottiglie prodotte annualmente di Raboso, Prosecco Superiore Docg Valdobbiadene, Prosecco Doc Treviso, Manzoni Bianco 6.0.13, Pinot Grigio, Manzoni Rosa, Chardonnay, Sauvignon, Cabernet Sauvignon, Cabernet franc e Merlot. «Il Raboso è il vino che ci identifica maggiormente – afferma Alessio Cecchetto, titolare e responsabile della produzione -, un autoctono del nostro territorio che ci siamo impegnati a valorizzare e che esportiamo ovunque».

Un riscontro immediato

Grazie alla creatività dei giovani titolari, qualche anno fa è sorta l’intuizione di lanciare una nuova linea, Epsilon Wine, rappresentata da due prodotti a bassa gradazione alcolica – Epsilon Black e Epsilon White, due bianchi spumanti derivati da uve raccolte a mano – e una veste dal design accattivante, impreziosita di anno in anno. Oggi la gamma Epsilon vanta 7 etichette diverse, …

Vuoi continuare a leggere?

Se sei GIA’ abbonato accedi all’area riservata 

Se NON sei abbonato vai alla pagina degli abbonamenti

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here