Il Governo italiano tutela il vino europeo

“Il lavoro diplomatico per evitare che la Cina aumenti i dazi sul vino europeo è in pieno corso e il Governo italiano ha tra le sue priorità proprio la tutela del Made in Italy, da qualsiasi regione provenga. Proprio per questo abbiamo messo in campo un gruppo di lavoro ad hoc, che vede la collaborazione tra il Ministero dello Sviluppo Economico, quello degli Esteri e quello delle politiche agricole. Raccolgo la preoccupazione delle organizzazioni di settore, ma voglio ribadire che l’Italia farà fino in fondo la sua parte per concludere positivamente e con il dialogo questa situazione”. Così il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Nunzia De Girolamo ha commentato in merito alla questione dell’indagine antidumping cinese sul vino europeo e il minacciato rialzo dei dazi.

“Siamo in costante contatto con la Commissione europea – ha proseguito il Ministro – per seguire le evoluzioni del negoziato, con la convinzione che quello vitivinicolo è un comparto da difendere senza se e senza ma. Auspico che il Governo della Repubblica popolare cinese chiuda quanto prima l’indagine, che a nostro parere non ha ragion d’essere in quanto mancano le premesse giuridiche. In questo momento la via del dialogo è l’unica strada da percorrere, anche se le nostre imprese si trovano già nella difficoltà di sostenere oneri e aggravi burocratici per la scelta della Cina”.

Grazie alla collaborazione tra MISE, Mipaaf ed Organizzazioni di settore interessate, e grazie alla sensibilizzazione degli operatori da loro effettuata, oltre 1.200 aziende esportatrici (su 1.500) hanno compilato le schede proposte dall’autorità cinese in questa prima fase dell’indagine.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here