Studi scientifici

Proprietà antiossidanti di estratti vegetali selezionati e applicazione nel confezionamento

È stata studiata l’attività antiossidante di estratti di cannella, chiodi di garofano, zenzero, tè verde e timo utilizzando i saggi di sbiancamento del β-carotene-linoleato per diffusione sia su agar sia in brodo, e il radical scavenging contro i radicali liberi utilizzando un dosaggio con 2,2-difenil-1-picrilidrazile. Gli estratti non diluiti (eccetto l’olio di zenzero) hanno fornito una zona gialla di β-carotene di 15,3-38,2 mm di diametro.

A una concentrazione di 50 microl/ml il timo ha presentato la più alta attività antiossidante (260%), seguita rispettivamente da ginger (254%), cannella (108%), chiodi di garofano (106%) e tè verde (101%). Viceversa, a una concentrazione di 0,39 microl/ml di soluzione in etanolo, il tè verde ha prodotto la più alta attività antiradicalica (94,3%), seguita rispettivamente dai chiodi di garofano (93,4%), cannella (91,1%), timo (30,4%) e zenzero (8,29%).

Le concentrazioni minime inibenti lo sbiancamento ossidativo (MOBICs) di questi estratti vegetali sono stati determinati usando il dosaggio in brodo su β-carotene-linoleato. I film a base di cellulosa contenenti cannella, chiodi di garofano o tè verde hanno mostrato attività positiva contro l’ossidazione del β-carotene-linoleato e del radicale 2,2-difenil-1-picrilidrazile. Gli effetti protettivi di estratti di piante in sacchetti a base di cellulosa nella stabilizzazione di olio di semi di soia sono stati testati misurando i valori di perossido e i contenuti di acidi grassi liberi durante la conservazione accelerata. 

I film con incorporato tè verde hanno presentato proprietà antiossidanti più forti in olio di semi di soia di quanto non facciano i film con incorporato butil-idrossianisolo. Lo studio ha dimostrato il potenziale uso di estratti di piante come antiossidanti per applicazioni nel confezionamento alimentare.

Bibliografia

M. Thongngam et al., Kasetsart Univ. (p. 125-136); Packaging technology and science, vol. 25, n. 6 (2012)

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here