Operazione contro bevande contraffatte

Cooperazione trans-nazionale mirata sgominare il traffico e le reti che promuovono il commercio di prodotti falsi e di fallace dichiarazione.

In un’operazione congiunta Interpol-Europol di contrasto ad alimenti e bevande falsi e sotto gli standard e alle reti di criminalità organizzata impiegate in tale commercio illecito, ha portato al sequestro di oltre 135 tonnellate di merci potenzialmente pericolose come caffè, dadi e olio d’oliva, tartufo e caviale. Altre 100 tonnellate di cibo con fallace dichiarazione e/o potenzialmente pericoloso sono state sequestrate nel corso dell’operazione Opson II. Dal 3 al 9 dicembre, tale operazione ha coinvolto 29 Paesi, portando al ritiro di oltre385.000 litridi bevande contraffatte tra cui vodka, vino, salsa di soia e succo d’arancia, e di pesce, frutti di mare e carni non idonei al consumo umano, caramelle e condimenti falsi. Per l’Operazione Opson II il numero dei Paesi partecipanti è stato pari a 30, contro i 10 che erano intervenuti nel 2011, con un incremento che, secondo l’Interpol, riflette la crescente consapevolezza del problema e il sempre maggiore coinvolgimento della criminalità organizzata. Grazie all’operazione di quest’anno che si è estesa anche ad Africa, America e Asia, le autorità contano di raccogliere ulteriori informazioni sulle reti criminali dietro questa attività e individuare i potenziali collegamenti globali con altri tipi di crimine. Coordinata da Interpol ed Europol, la settimana di operazione è stata sostenuta dalle autorità doganali, dalla polizia, dagli Organismi nazionali di regolamentazione degli alimenti e da partner privati. I controlli sono stati effettuati presso aeroporti, porti, negozi, mercati e case private. I Paesi che hanno partecipato a questa operazione sono stati: Austria, Belgio, Benin, Bulgaria, Colombia, Repubblica Ceca, Cipro, Danimarca, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Islanda, Italia, Costa d’Avorio, Giordania, Lettonia, Paesi Bassi, Nigeria, Portogallo, Romania, Slovacchia, Sudafrica, Spagna, Svezia, Thailandia, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.
Ulteriori indagini collegate sono ancora in corso in molti Paesi.

Condividi quest’articolo
Invia il tuo commento

Per favore inserisci il tuo nome

Inserisci il tuo nome

Per favore inserisci un indirizzo e-mail valido

Inserisci un indirizzo e-mail

Per favore inserisci il tuo messaggio

Imbottigliamento © 2017 Tutti i diritti riservati